• http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1249293676PalTe-05.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1249293681PalTe-07.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1249293686PalTe-08.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1252661118PT908.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1249293697PalTe-13.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1249293702PalTe-15.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1249293707PalTe-17.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1249293711PalTe-18.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1252661175PT1103.jpg

L'arte della corte dei Gonzaga, tra immagini fantastiche e splendidi destrieri


DESCRIZIONE DELL'OPERA

Palazzo Te a Mantova rappresenta il capolavoro di Giulio Romano. Lo splendore della corte gonzaghesca si riverbera negli affreschi che decorano questo splendido palazzo, nella fantasia sfrenata della Camera di Psiche, nell'incredibile e ardita Camera dei Giganti, nella Sala dei Cavalli, dove il duca Federico volle ritrarre i suoi destrieri favoriti. Un' opera di eccezionale importanza che documenta la decorazione di tutte le stanze.

Fu Federico II Gonzaga a ordinare nel 1524 la costruzione di un palazzo dove potersi riposare e svagare dagli impegni che il ruolo di marchese prima, e duca poi, di Mantova comportavano. A progettare l’edificio e la sua decorazione fu chiamato da Roma l’architetto e pittore Giulio Romano, che interpretò i desideri del suo committente con la progettazione di una costruzione che con la sua pianta quadrata e il grande giardino al centro richiama i modelli delle ville romane. Le sale della villa furono affrescate seguendo programmi decorativi differenti: tra le principali, la Sala dei Giganti riproduce un’illusionistica e spettacolare battaglia tra i giganti e Zeus, la Sala di Amore e Psiche illustra con figure di grande sensualità il mito classico, la Sala dei Cavalli riproduce sulle pareti, a grandezza naturale, i destrieri prediletti della famiglia. Di grande fascino anche l’Appartamento Segreto con la sua loggia affrescata e la grotta artificiale alla quale si accede da un piccolo giardino. Lo splendore, la fantasia e la ricchezza della corte dei Gonzaga rivivono così in questo volume che analizza e documenta capillarmente, come mai fatto prima, ogni particolare e ogni aspetto del palazzo. L’approfondimento monografico sul palazzo Te è opera di Amedeo Belluzzi, che in un lungo saggio ricostruisce la storia del palazzo, con particolare attenzione ai restauri che tra il XVIII e il XX secolo hanno un’importanza determinante nel filtrare l’immagine dell’opera. Le schede danno per la prima volta un quadro completo di tutti gli ambienti della villa, comprese le stanze meno note, e fanno il punto sulle fonti archivistiche, sulle datazioni, sull’iconografia e le fonti letterarie. Completano il lavoro di Belluzzi i rilievi del Palazzo realizzati da Walter Capezzali e commentati da Tancredi Carunchio, che consentono di apprezzarne l’articolazione dello spazio architettonico. È invece opera di Stefano Castagna il lavoro di rilievo e commento sugli ambienti del giardino segreto e della grotta.

testi e cura di

Amedeo Belluzzi

fotografie di

P. Robino,

G. Roli, G. Sgrilli

volume primo

Atlante fotografico

pp. 700,

1236 illustrazioni a colori.

volume secondo

Testi. Saggi e schede

pp. 514;

384 illustrazioni

in bianco e nero.

Amedeo Belluzzi

Palazzo Te Prologo

pag. 11

Capitolo I

pag. 23

Capitolo II

Pag. 45

Capitolo III

pag. 79

Capitolo IV

pag. 101

Capitolo V

pag. 115

Capitolo VI

pag. 143

Capitolo VII

pag. 163

Capitolo VIII

pag. 191

Capitolo IX

pag. 229

Walter Capezzali

Il rilievo di palazzo te

pag. 281

Tancredi Carunchio

Alcune note sul rilievo di palazzo Tè

pag. 297

Stefano Castagna

Alcune osservazioni sul rilievo del giardino segreto e della grotta

pag. 315

Schede

Pag. 337

Indice dei nomi e dei luoghi

pag. 491

Riferimenti Bibliografici

pag. 499

L'atlante fotografico

  • 1

  • 2

  • 3

  • 4

  • 5

  • 6
Spaccato prospettico

Franco Cosimo Panini Editore Via Giardini 474/D - 41124 Modena tel. 059.2917311 - fax 059.2917381 - Informazioni societarie - Privacy - Area riservata