• http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1249289907Schifanoia-03.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1249289934Schifanoia-05.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1249289951Schifanoia-07.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1249289965Schifanoia-08.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1249289971Schifanoia-09.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1249289984Schifanoia-10.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1249289987Schifanoia-11.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1249290037Schifanoia-12.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1249290042Schifanoia-13.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1249290060Schifanoia-14.jpg

La dimora rinascimentale di una grande famiglia e l'intrigante fascino dei suoi affreschi


DESCRIZIONE DELL'OPERA

“Schivar la noia”. È con questa funzione che alla fine del Trecento, per volere di Alberto V d’Este, viene eretta a Ferrara una residenza destinata allo svago e alla ricreazione dei signori della città. Ampliato nei decenni successivi, il Palazzo Schifanoia viene dotato sotto il governo di Borso d’Este di un grande salone di rappresentanza, il Salone dei Mesi, affrescato tra il 1469 e il 1470 dai grandi maestri dell’Officina ferrarese: Cosmé Tura, rancesco del Cossa ed Ercole de’ Roberti. Un ciclo che per qualità artistica e ricchezza di riferimenti alla cultura neoplatonica del tempo, resta uno esempi più alti e originali dell’arte rinascimentale italiana. Questo XIV volume della collana “Mirabilia Italia”, pubblicato in occasione della grande mostra che nell’autunno del 2007 celebrerà i fasti della signoria di Borso, illustra e descrive con una capillare campagna fotografica ed esaurienti apparati storico-critici, non solo il celebre ciclo dei Mesi, oggetto di un recente intervento di restauro, ma anche tutti gli ambienti del Palazzo e le numerose opere d’arte conservate nell’illustre dimora.

Il nome di Palazzo Schifanoia, voluto da Alberto V d’Este come luogo dove i signori della città potessero “schivar la noia”, è legato a quello del duca Borso d’Este, grande mecenate, che tra il 1469 e il 1470 commissionò la decorazione del grande salone di rappresentanza noto come Salone dei Mesi. Qui grandi autori della scuola pittorica sorta intorno alla corte estense diedero vita a un programma decorativo dove la qualità artistica si unisce alla ricchezza e alla profondità dei richiami alla cultura neoplatonica e astrologica, i cui significati hanno costituito per secoli un enigma per gli studiosi, fino a che Aby Warburg nel 1912 non ha iniziato a identificare alcune delle fonti mitiche e simboliche. Immagini di grande fascino, in cui scene di vita cortese, aspetti del mondo contadino e personaggi mitologici convivono fianco a fianco, sovrastati dagli enigmatici Decani, figure astrologiche derivanti da divinità dell’antico Egitto. Una decorazione complessa ed elegante, che il libro restituisce in tutti i suoi dettagli, compresi i rilievi del portale marmoreo, gli stucchi della Sala della Virtù e le inedite immagini di parti oggi inaccessibili al pubblico. Spiegare e descrivere la complessità della decorazione del palazzo è lo scopo del volume dei testi, aperto da Marco Folin che analizza il rapporto tra il Salone dei Mesi e il suo committente sulla base dei documenti coevi, presentati in appendice al saggio. Carla Di Francesco dedica il suo contributo ai diversi volti e alle diverse funzioni che Palazzo Schifanoia ha assunto nel corso dei secoli, mentre Vincenzo Farinella districa l’intreccio di ruoli tra chi ha commissionato la decorazione, chi l’ha progettata e chi l’ha materialmente realizzata. Un tema, quello dell’iconografia, che torna anche nel saggio di Marco Bertozzi, dedicato agli studi effettuati da Aby Warburg sul Salone dei Mesi, i cui restauri nel corso dei secoli sono al centro del contributo di Jadranka Bentini. Vincenzo Gheroldi si occupa della compresenza di due diverse tecniche pittoriche nel ciclo dei Mesi e delle loro implicazioni sul metodo di lavoro. Gianni Venturi allarga lo sguardo ai giardini e ai palazzi estensi e alla loro presenza nella letteratura degli artisti della corte, Ranieri Varese ricostruisce la storia degli studi delle pitture di Schifanoia e delle pubblicazioni che li hanno documentati. Un percorso di studi e riscoperta che trova il suo culmine nel volume di Mirabilia Italiæ, che presenta non solo gli affreschi del Salone dei Mesi, ma anche i rilievi del portale marmoreo, gli stucchi della Sala delle Virtù e le inedite immagini di parti oggi inaccessibili al pubblico.

a cura di

Salvatore Settis

e Walter Cupperi

testi di

J. Bentini, M. Bertozzi,

W. Cupperi, C. Di

Francesco, V. Farinella,

M. Folin, F. Frisoni,

V. Gheroldi, M.Toffanello,

R. Varese, G. Venturi

fotografie di

A. Ghiraldini

volume primo

Atlante fotografico

pp. 312;

303 illustrazioni a colori.

volume secondo

Testi. Saggi e schede

pp. 360;

196 illustrazioni

in bianco e nero.

Saggi

Marco Folin

Borso a Schifanoia: il Salone dei Mesi come speculum principis

pag. 9

Appendice 1

L’immagine di Borso in alcuni ritratti encomiastici del suo tempo

pag. 39

Appendice 2

Dal carteggio degli oratori estensi a Roma (1459-1468)

pag. 43

Appendice 3

La nomina di Ercole d’Este a luogotenente di Borso nella città di Modena (1462)

pag. 50

Carla Di Francesco

Schifanoia. Delizia, “Fabbrica”, Palazzo, Museo

pag.51

Vincenzo Farinella

I pittori, gli umanisti, il committente: problemi di ruolo a Schifanoia

pag. 83

Appendice documentaria

pag. 139

Marco Bertozzi

Enigmi figurati: Aby Warburg e l’astrologia internazionale di Palazzo Schifanoia a Ferrara

pag. 143

Jadranka Bentini

Il restauro dei Mesi di Schifanoia: una vicenda plurisecolare

pag. 151

Vincenzo Gheroldi

Due sistemi tecnici

pag. 159

Gianni Venturi

Delizie e giardini: un percorso letterario

pag. 169

Ranieri Varese

Atlante e Atlanti

pag. 183

Schede

pag. 195

Bibliografia

pag. 327

Indice dei nomi

pag. 353

L'atlante fotografico

  • 1

  • 2

  • 3

  • 4

  • 5

  • 6
Spaccato prospettico

Franco Cosimo Panini Editore Via Giardini 474/D - 41124 Modena tel. 059.2917311 - fax 059.2917381 - Informazioni societarie - Privacy - Area riservata