• http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1253538889doc20090921131540.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1253538948doc20090921132138.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1253538987doc20090921131802.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1253539186doc20090921132000.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1253539032doc20090921132307.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1253539070doc20090921131739.jpg

  • http://grandiopere.fcp.it/mirabilia-italiae/wp-content/files_flutter/1253539240doc20090921131827.jpg

I marmi, i mosaici e i bronzi del Rinascimento fiorentino


DESCRIZIONE DELL'OPERA

Il Battistero di San Giovanni è uno dei più importanti monumenti italiani. Un materiale iconografico nuovo, di alta qualità e di taglio inedito, rivela lo splendore del Battistero nella sua interezza e in ogni dettaglio, dalla maestosa sequenza degli archi e dei marmi policromi dell’architettura interna, ai preziosi mosaici della volta, ai particolari più inaccessibili dei matronei. Una visione assolutamente unica e straordinaria.

Il Battistero di San Giovanni, l’edificio ottagonale in marmo bianco e verde collocato al centro di Firenze, al punto che si ha l’impressione che da lì la città si irradi e prenda significato, non è soltanto un monumento antico e insigne: è, anche, una splendida antologia, in marmo, in mosaico, in bronzo, della grande arte fiorentina. Frutto di una sequenza millenaria di fasi costruttive, modifiche e restauri, il Battistero è una foresta di immagini che ha il suo trionfo nella grande ruota dei mosaici della cupola, ai quali lavorò probabilmente anche Cimabue. Ma prima ancora di entrare, la porta realizzata da Andrea Pisano e, soprattutto, quella di Lorenzo Ghiberti, che Michelangelo chiamò “del Paradiso”, accolgono il visitatore con i loro preziosi e raffinati bassorilievi in bronzo. Le fotografie del libro esplorano il Battistero in ogni dettaglio, riproducendo integralmente sia capolavori di grande fama come il monumento funerario dell’antipapa Giovanni XXIII, sia parti nascoste o irraggiungibili, come le volte affrescate dei matronei o la spettacolare visione verticale dell’intero pavimento intarsiato, senza dimenticare le opere d’arte un tempo facenti parte del Battistero e oggi distribuite tra i musei cittadini, tra cui le formelle originali della porta del Paradiso. Avvalendosi di una campagna fotografica di ampiezza e sistematicità inedite, i saggi del volume tracciano un quadro completo del monumento e della sua storia. Un saggio di Timothy Verdon esplora i significati del Battistero e il suo ruolo nella storia della città, a partire dall’importanza simbolica della sua forma ottagonale. Gabriele Morolli, Enrica Neri Lusanna,Anna Maria Giusti e Irene Hueck affrontano l’architettura del Battistero, le sue fasi costruttive, i mosaici e la loro iconografia, dando importanti contributi a sostegno della sua datazione. Antonio Paolucci analizza le sculture: le porte ma anche i gruppi plastici esterni e interni e gli arredi ora conservati nel Museo dell’Opera del Duomo che costituivano il patrimonio storico del San Giovanni. Un capitolo a parte è dedicato ai restauri subiti dal patrimonio artistico. Carlo R. Chiarlo si occupa invece dei manufatti archeologici, come i sarcofagi e i materiali di reimpiego. Mirko Tavoni parte infine da due note terzine di Dante per ricostruire l’assetto e l’arredo dell’antico fonte battesimale. L’apparato di schede permette al lettore di conoscere criticamente il Battistero pezzo per pezzo, disarticolato in tutte le sue parti (capitelli e colonne, arredi mobili e sculture, affreschi e mosaici).


a cura di

Antonio Paolucci

testi di

R. C. Chiarlo, A. M. Giusti, P. Guarducci, I. Hueck, S. Lomartire, G. Morolli, E. Neri Lusanna, S. Panciera, A. Paolucci, F. Salvi, M. Tavoni, T. Verdon

fotografie di

M. Falsini, M. Ronchetti,P. Tosi

volume primo

Atlante fotografico

p. 632; 1076 illustrazioni a colori.

volume secondo

Testi. Saggi e schede

p. 520; 220 illustrazioni in bianco e nero.

Timothy Verdon

Il Battistero di San Giovanni: un monumento religioso al servizio della città

The Baptistery of San Giovanni: a Religious Monument Serving the City

pag. 9

Gabriele Morolli

L’architettura del Battistero e “l’ordine buono antico”

The architecture of the baptistery and the ” good antique style”

pag. 33

Federica Salvi

Gli elementi architettonici del Battistero: capitelli, basi e trabeazioni

Architectural elemnts of the baptistery: capitals, bases and entablatures

pag. 133

Antonio Paolucci

Le sculture

The sculptures

pag. 143

Enrica Neri Lusanna

L’antico arredo presbiteriale e il fonte del Battistero

Vestigia e ipotesi

The original arrangement of the presbytery and the baptismal font.

Theories surronding te remains

pag. 189

Mirko Tavoni

Sul fonte battesimale di Dante

On Dante’s baptismal font

pag. 205

Irene Huek

Il programma dei mosaici

The mosaic programme

pag. 229

Anna Maria Giusti

I mosaici della scarsella

The chancel Mosaic

pag. 265

Anna Maria Giusti

I mosaici della cupola

The Vault mosaics

pag. 281

Anna Maria Giusti

I mosaici dei coretti, dei parapetti del matroneo, e del tamburo della cupola

The mosaics of the gallery tribunes and parapets, and on the drum of the vault

pag. 343

Anna Maria Giusti

Le pitture parietali del matroneo

the wall painting of the Gallery

Pag. 363

Anna Maria Giusti

Il pavimento del Battistero

The baptistery pavement

pag. 373

Antonio Paolucci

I restauri del patrimonio storico-artistico

Ristorations of the historical and artistic legacy

pag. 395

Schede / Notes

pag. 398

Bibliografia / Bibliography

pag. 563

Indice dei nomi e dei luoghi / index of names and places

pag. 573

L'atlante fotografico






Spaccato prospettico

Franco Cosimo Panini Editore Via Giardini 474/D - 41124 Modena tel. 059.2917311 - fax 059.2917381 - Informazioni societarie - Privacy - Area riservata